Il valore della fotografia

Quante volte durante la nostra vita ci siamo seduti sul pavimento circondati da vecchie fotografie, rivivendo il passato con quella gioia malinconica che solo un bel ricordo ti può dare?!

Pochi e semplici scatti nascosti in cassetto dimenticato che hanno per ognuno di noi un significato immenso. Ci ricordano chi eravamo, da dove veniamo, come era il mondo quando eravamo piccoli o al tempo dei nostri nonni. Le immagini della nostra vita creano la nostra storia e colpiscono i nostri cuori. 

 

E che valore ha tutto questo?

 

Quante volte abbiamo pensato di selezionare alcune tra migliaia di foto tutte uguali fatte in gran fretta con il cellulare?

Ormai nell’immaginario collettivo la fotografia viene considerata qualcosa di inconsistente. Ma non è così! Senza la stampa tra vent’anni non troveremo più la sorpresa di un ricordo che riaffiora, non proveremo più quella magica sensazione di toccare e sfogliare le pagine di un album eterno.

Purtroppo le chiavette USB, gli hard disk accatastati, i computer, i cellulari si smagnetizzeranno, si romperanno, verranno sostituiti da tecnologie più avanzate, verranno svuotati e riempiti di cose che in quel momento ci sono sembrate più importanti.

 

Ebbene, la fotografia stampata ha il potere di fermare un attimo e farlo durare in eterno. Attiva i sensi: il tatto, la vista, l'olfatto. 

 

Ammettiamolo, al giorno d’oggi ci sentiamo tutti un po’ fotografi. Le macchine digitali, gli smartphone con fotocamere avanzatissime ci fanno credere che la quantità di MP crei automaticamente una bella foto. E invece no, bisogna conoscere i propri mezzi per poterli sfruttare al massimo. 

Dietro ad una bella foto, o semplicemente ad un’immagine che sa comunicare, c’è una persona con la sua storia, la sua esperienza, la fatica, l’impegno, l’investimento del proprio tempo e denaro rivolto al continuo miglioramento. C’è la capacità di vedere la luce e servirsene nell’attimo esatto in cui si fonde con il soggetto. C’è la ricerca del luogo perfetto per chi verrà ritratto, piccolo o grande che sia.

E’ una persona che mette a disposizione il proprio presente per formare il futuro della gente e diventare il loro passato.